Campionato Juniores 2015/2016

 

torneo juniores

 

 

REGOLAMENTO

 

Al campionato sono iscritte le squadre inserite in calendario.

 

  • 1.2 – NORME PER IL TESSERAMENTO

 

I giocatori dovranno essere nati dal il 1° Gennaio 1996.

E’ ammesso un fuori quota per la stagione in corso nato dal 1° Gennaio 1995

Tutti i calciatori ed i Dirigenti delle Società partecipanti al campionato devono sottoporsi a tesseramento con copertura assicurativa a cura dell’ ASI. Il tesseramento di ogni Calciatore o Dirigente avrà validità dalle ore 24,00 del giorno successivo a quello di vidimazione.

 

 

Art. 1.3  – TESSERA SETTORE CALCIO

 

Ad ogni iscritto verrà rilasciata una tessera assicurativa che dovrà essere allegata alla distinta di gara (in duplice copia) da presentare all’Arbitro, unitamente ad un documento di riconoscimento. Le tessere rilasciate dell’ASI possono sostituire il documento di riconoscimento, solamente se recano la fotografia e plastificate.

 

  • 1.4 – ORDINAMENTO DEL CAMPIONATO

 

Per determinare la classifica finale in caso di arrivo a pari punti tra due o più Società, si valuterà:

Scontro diretto;

Differenza reti generale;

Maggior numero di reti segnate;

Disciplina;

Sorteggio.

CON COMUNICATO SPECIFICO SARA’ PUBBLICATA LA FORMULA DEI PLAY-OFF CHE DETERMINERA’ LA VINCENTE DEL CAMPIONATO

 

 

Art. 1.5 –  DESIGNAZIONI ARBITRI

 

Le gare sono disputate per tutta la durata del campionato con Direttori di gara del Settore Calcio A.S.I. (Associazioni Sportive Sociali Italiane).

 

  • 1.6 – ADEMPIMENTI PRELIMINARI PRE GARA

 

Il Dirigente responsabile e/o il Capitano ha l’obbligo di consegnare all’Arbitro designato alla gara, almeno 15 minuti prima dell’inizio della partita (con riferimento all’orario ufficiale), la distinta gara, in duplice copia, dei nominativi dei calciatori, dei dirigenti (max. 2) e di altri tesserati da ammettere sul terreno di giuoco, con le relative tessere dell’ ASI e del documento di riconoscimento utili per l’identificazione. Si dispone che NON potranno partecipare alla gara calciatori e/o dirigenti sprovvisti del documento di riconoscimento e/o della tessera ASI valida perl ‘anno in corso.

Le due Società dovranno indossare maglie di colore diverso; nel caso in cui abbiano colori di maglia uguali o confondibili, è fatto obbligo alla Società prima menzionata in calendario, di sostituirle.

 

  • 1.7 – DURATA DELLE GARE

 

Gli incontri prevedono due tempi da 25 minuti con un intervallo massimo di 5 minuti.

 

 

 

  • 1.8 – RITARDATA PRESENTAZIONE IN CAMPO DELLE SQUADRE e TEMPO DI ATTESA

 

Le Squadre hanno l’obbligo di presentarsi in campo all’ora fissata per l’inizio dello svolgimento  della gara. Nel caso di ritardo, fatte salve le sanzioni irrogabili dagli organi disciplinari ove il ritardo stesso sia ingiustificato, l’Arbitro deve dare comunque inizio alla gara, purché le squadre si presentino in campo in divisa di giuoco entro 15 minuti.

 

  • 1.9 – RINUNCIA ALLA GARA E RITIRO O ESCLUSIONE DELLE SOCIETA’ DAL TORNEO

 

La Società che rinuncia alla disputa di una gara o fa rinunciare la propria squadra a proseguire nella disputa  della  stessa,  laddove sia già in svolgimento,  subisce la perdita della gara con il punteggio di 0-6 o con il punteggio al momento più favorevole alla squadra avversaria, la penalizzazione di un punto in classifica ed il pagamento delle ammende fissate come di seguito:

  • 1^ rinuncia: euro 20.00
  • 2^ rinuncia: euro 50.00 ed esclusione dal campionato.

Qualora una squadra si ritiri dal campionato o ne venga per qualsiasi ragione esclusa durante il girone di andata, la stessa verrà considerata rinunciataria alle gare che ha in calendario, con ogni conseguente sanzione, e i risultati fino a quel punto conseguiti in campo saranno annullati. Se invece si ritiri durante il girone di ritorno i risultati sino ad allora acquisiti saranno validi e per le altre gare verrà assegnato il 0-6 a tavolino.

 

 

Art. 1.10 –  PALLONE UFFICIALE

 

Per le gare dovrà essere utilizzato il pallone a rimbalzo controllato.

 

Art. 1.11  – IMPRATICABILITA’ DI CAMPO

 

Il giudizio sulla impraticabilità del terreno di giuoco, per intemperie o per ogni altra causa, è di esclusiva competenza dell’Arbitro designato a dirigere la gara; l’accertamento, alla presenza dei capitani, deve essere eseguito all’ora fissata per l’inizio della gara, dopo la verifica della presenza delle squadre e l’identificazione dei calciatori in distinta.

 

 

Art. 1.18  –  NORME REGOLAMENTARI

 

La manifestazione si svolgerà nel pieno rispetto delle disposizioni organizzative di cui alle Norme Organizzative e di quelle tecniche previste dalle “Regole del giuoco e decisioni ufficiali FIGC” attualmente in vigore. Il numero minimo per iniziare una gara è di 3 calciatori di cui uno che riveste il ruolo di portiere con maglia di colore diverso altri calciatori e  dall’Arbitro.

Nel caso di colori similari delle maglie, la Società Ospitante dovrà provvedere a sostituire le maglie della propria squadra.

 

 

  • 1.19 DISPOSIZIONE FINALE

 

Per quanto non espressamente sancito dal presente regolamento, si rimanda a quanto previsto dalle disposizioni Nazionali

ASI e dalle Carte Federali F.I.G.C. in materia di competizioni nazionali ufficiali.